Il Vescovo fra i Cristiani del Kurdistan irackeno

Missione a Erbil

Il Vescovo fra i Cristiani del Kurdistan irackeno

CARPI – Andrà in Kurdistan, latore di una lettera del Papa, per portare concretamente aiuto ai cristiani perseguitati in Iraq: monsignor Francesco Cavina, vescovo di Carpi, partirà il prossimo 1 aprile per una missione di sostegno e di aiuto alla popolazione di Erbil, nel Kurdistan iracheno per dare corpo al doveroso sostegno alla chiesa che soffre. «Mi sono stancato di dire solo belle parole di conforto – ha sostenuto il presule, annunciando la sua iniziativa – perché se io fossi in difficoltà e nel bisogno vorrei qualcuno che mi stesse vicino e che non mi dicesse solo espressioni consolatorie». 

Così monsignor Cavina, assieme al vescovo di Ventimiglia e a una delegazione di “Aiuto alla chiesa che soffre”, organizzazione di diritto pontificio che sostiene i cristiani perseguitati, andrà in Kurdistan portando con sé 100 mila euro che gli sono stati consegnati da papa Francesco assieme ad alcuni paramenti liturgici che saranno utilizzati durante le celebrazioni programmate nei campi profughi del nord Iraq. «La zona è sotto controllo dei Curdi – ammette il presule – ma i pericoli non mancano. Saremo assistiti da “Aiuto alla chiesa che soffre” che opera sul territorio da tempo». Nella lettera indirizzata al Vescovo di Carpi, il Papa Francesco sottolinea il profondo significato della visita: “Non si tratta solo di un atto doveroso di carità – scrive papa Francesco – ma di un soccorso al proprio stesso corpo, perché tutti i cristiani, in virtù del medesimo battesimo, sono “uno” in Cristo”. 

Al suo rientro in Italia, il vescovo Cavina sarà impegnato in una serie di incontri e di celebrazioni organizzate nel quadro del Giubileo della Misericordia: tredici celebrazioni liturgiche a Santa Croce dal 9 aprile sino al 18 giugno con le associazioni di categoria, i professionisti, gli operatori sanitari, gli insegnanti e le varie realtà sociali ed economiche carpigiane con l’auspicio dichiarato di mettere assieme le varie componenti della società sotto il simbolo della misericordia.

227 visualizzazioni