Fra i piccoli, margini modesti

Con le aziende tra 1,5 e 1 milione si chiude la graduatoria 2014

Fra i piccoli, margini modesti

Buone performance di Nuova Kartel, Franchini Toys e Coopernico

Carpi – Fra un milione mezzo a un milione di euro fatturato sono 115 le imprese che compaiono a conclusione della graduatoria del Cerved, desunta dai dati Infocamere e relativa ai bilanci dell’anno 2014, confrontati con il 2013. Si passa così dalla posizione numero 460 di Sadiel che commercia all’ingrosso materiali da costruzione alla numero 575 di Informatica 80 Software che chiude la graduatoria. In mezzo ci sta una varietà di produzioni e servizi a dir poco sterminata, dalla chimica alla moda, dai servizi per la sicurezza alle costruzioni e alle onoranze funebri. 

E’ il mondo della piccola e piccolissima impresa che, al di là delle dimensioni dei giro d’affari, costituisce tuttavia un termometro per misurare la temperatura complessiva del tessuto produttivo. E la diagnosi continua a parlare di stagnazione, di aumenti di fatturato frenati però da perdite o utili inferiori, a segnalare la difficoltà di ottenere buoni margini o, semplicemente, quella di vendere o di farsi pagare.

Il balzo in avanti maggiore, in questo lotto di imprese, lo fa Nuova Kartel, ditta di nastri ed etichette di Carpi, che mette a segno un più 156 per cento nei ricavi, bilanciato però da una flessione dell’utile. Altro miglioramento consistente è quello di Franchini Toys di Soliera che fabbrica altalene, giostre e attrezzature per parchi dei divertimenti: ha incrementato i ricavi del 118 per cento, ma ha anche quasi triplicato la perdita. 

Quanto a incrementi, si piazza bene anche Coopernico, la cooperativa di Soliera che nel 2015 ha preso la gestione del Centro polivalente di Limidi e da quest’anno anche quello di Sozzigalli: ottiene il 72 per cento in più di ricavi, ma flette leggermente nell’utile. Buone performance sopra il 50 per cento di fatturato in più realizzano anche la Icam Inox di Soliera, che passa anche dalla perdita del 2013 a un utile di quasi 15 mila euro nel 2014; e la Elettrica Flash di Carpi che aumenta del 53 per cento i ricavi e rasenta il raddoppio dell’utile.

Documenti Allegati
185 visualizzazioni