Prosegue il duello in vetta tra Capri e Mondial Corag

Serie A

Prosegue il duello in vetta tra Capri e Mondial Corag

La quart’ultima di regular season in Serie A Elite “A tuttocampo Cup” scivola via quasi come se non fosse stata giocata, almeno davanti, visto che le prime sei della classe vincono tutte e lasciano immutata la classifica. Pizzeria Capri e Mondial Utensileria Corag continuano il duello in vetta col loro ruolino da schiacciasassi: la capolista (sempre a +3) conquista il dodicesimo risultato utile (10 vittorie e 2 pari), mentre l’inseguitrice tocca quota 7 (6 vittorie e un pari). Per Capri è tutta discesa contro la Vis San Prospero, trafitta da un ispirato Simone Marastoni (3, nella foto), Luca Bedini (2), Beppe Caiazzo (2) e Andrea “scanna” Scaltriti. Altrettanto semplice la pratica per i Toma-boys, che azzerano l’Attila Ungheni grazie a Crescenzo Della Corte (poker) e Simone Farina (2). A tre gare dalla fine la strada porta verso i play-off (si giocano se ci sono meno di 6 punti fra prima e seconda) salvo inattesi epiloghi, visto che le due corazzate devono ancora affrontare Warriors e Flockwear in lotta playoff. Al terzo posto si conferma la Butega Romagnola, che coglie la quarta vittoria di fila sull’Officina del gelato Soliera con le reti del terzetto “Ringhio” Rinaldi-Sassi-Ascari (tutti in gol 2 volte) e ai gol di Gabriele Caleffi e Adalberto Rinaldi. Al momento ai playoff ci sarebbero gli Warriors, sempre quarti dopo il 9-3 che lascia Tempocasa al terz’ultimo posto: a fare la voce grossa contro i sanfeliciani è il bomber Simone Malavasi che con altri 5 gol (poi fanno doppietta Jimmy Casari e Pietro De Stefano) ipoteca l’ennesimo titolo di bomber salendo a quota 51, con 11 gol di margine rispetto a Mattia Scacchetti, fermo perché i Flockwear quinti (-1 dagli Warriors, al momento fuori dagli spareggi) vincono a tavolino con Mantovazzurra. La festa delle prime sei è completata dalla Possidiese, teoricamente ancora in corsa per i playoff a -6 dagli Warriors dopo il +6 sulla Trattoria Baldini firmato dalla cinquina di Davide Gianotti e dai gol di Paolo Arletti (3) e Ricky Rossi.

316 visualizzazioni