L'asilo Zigo Zago di Carpi per Caldarola terremotata

L'asilo Zigo Zago di Carpi per Caldarola terremotata

Fondi per donare libri alla biblioteca da ricostruire

Da Carpi a Caldarola, nel cuore dell'Italia martoriata dal sisma. Condivisione, solidarietà e senso di comunità sono sentimenti che non hanno confini geografici né limiti di età, anzi, sottolinea una nota trasmessa dai genitori, sono ancora più veri e sinceri quando coinvolgono i bambini. Come i piccoli della scuola dell'infanzia Zigo Zago di Carpi, che, insieme a genitori ed educatrici, hanno organizzato una raccolta fondi a favore dell'asilo di Caldarola, paese del maceratese pesantemente colpito dalle scosse che hanno devastato il Centro Italia. La scuola della Città dei Pio ha infatti deciso di devolvere una parte dei proventi del tradizionale mercatino natalizio, che si è svolto come ogni anno il 13 dicembre in occasione della festività di Santa Lucia, all'istituto maceratese, che li sfrutterà per ripristinare la biblioteca interna, danneggiata dal terremoto dell'ottobre scorso. 

Grazie al denaro raccolto, sono stati donati libri per bambini e altro materiale utile allo svolgimento dell'attività didattica, compreso quello relativo al progetto “Nati per leggere”, che coinvolge bimbi da zero a sei anni. Una situazione, quella che stanno vivendo i piccoli dell'asilo di Caldarola, simile a quella sperimentata a Carpi dopo le scosse del maggio 2012: paura, smarrimento, ma anche speranza per un futuro pieno di vita, come dev'essere per tutti i bimbi. È proprio questo il senso della bella iniziativa portata avanti dall'asilo Zigo Zago: trasmettere speranza per il futuro tramite i libri e la lettura, che aiuta a sognare e a evadere dalla realtà, viaggiando con la fantasia. Lo scorso 19 dicembre una rappresentante dell'Istituto maceratese ha ritirato il materiale donato, ringraziando bambini, famiglie e personale scolastico di Carpi e portando loro una vivida testimonianza di quanto accaduto e delle difficoltà che ancora oggi si devono fronteggiare, a scuola come nella vita di tutti i giorni, a causa del sisma.

2103 visualizzazioni