Oggi sui giornali. Passeggiate di sicurezza per le negozianti. Microaree per i sinti. Denunce per guida senza patente ed evasione dai domiciliari

Oggi sui giornali. Passeggiate di sicurezza per le negozianti. Microaree per i sinti. Denunce per guida senza patente ed evasione dai domiciliari

Le passeggiate notturne del gruppo Carpi Sicura organizzato dal ventiseienne Luigi Sposito (la foto di copertina è di repertorio) sono ora rivolte in particolare a coprire l'orario serale, dalle 19 alle 20, che coincide con la chiusra dei negozi, il più preso di mira dagli autori delle recenti spaccate di finestrini di auto. E’ la notizia con la quale apre oggi il Carlino che ricorda come le passeggiate – guai a chiamarle ronde, perché assumerebbero una coloritura politica che l’organizzatore respinge nel modo più assoluto – siano dirette proprio a proteggere le commercianti che si avviano alle rispettive auto dopo l’orario di chiusura. Un’azione di deterrenza, insomma: sono una trentina, fra i 17 e i 70 anni, si radunano alle 19 davanti al Duomo e passeggiano fino alle 20, quando i negozi hanno chiuso. “Se una negoziante ci chiede di accompagnarla noi siamo pronti”, spiega Sposito. Finora, chiamate zero, e una segnalazione ai carabinieri per un ubriaco sorpreso a urinare al parco delle Rimembranze.

 

 

La Gazzetta ha come argomento principale l’approvazione da parte della Giunta del progetto per ricavare due microaree, una per ciascun nucleo familiare, dall’attuale unico campo sinti dietro la piscina. Il progetto, del costo di 103 mila euro, è finanziato in buona parte dalla Regione e prevede i due ingressi dalla parte dell’area fieristica e non più, come prospettato in un primo tempo, verso il multisala Space City.

 

 

Brevi di nera, che hanno impegnato i carabinieri di Carpi, riportate da entrambi i quotidiani. Alle tre del mattino di ieri un 48 enne originario di Potenza alla guida di una Punto non si è fermato al posto di blocco allestito nei pressi del casello dell’A22. Le pattuglie dell’Arma si sono messe all’inseguimento, l’uomo ha tentato speronare una gazzella che lo aveva affiancato, finché non è stato accerchiato e imbottigliato in via Fratelli Cervi. E’ risultato che dal 2015 era senza patente, ritiratagli per guida in stato di ebbrezza: ed è stato denunciato per guida con patente revocata e resistenza a pubblico ufficiale.

 

Un Indiano di 37 anni residente a Novi condannato ai domiciliari per maltrattamenti, ha lasciato illegalmente la propria abitazione ed è stati visto aggirarsi negli quartieri a nord di Carpi. Ha capito di avere i carabinieri sulle proprie tracce e ha cercato rifugio in un centro estetico, con scuse che hanno insospettito i gestori, dai quali è partita la telefonata agli uomini dell’Arma che, subito intervenuti, lo hanno condotto in carcere con l’accusa di evasione dai domiciliari. 

1319 visualizzazioni