Esselunga: la curiosità riempie il Superstore

Grande afflusso fin dal giorno inaugurale

Esselunga: la curiosità riempie il Superstore

Soliera – Ha aperto per la prima volta le porte mercoledì 18 novembre e già sembrava un giorno di ordinaria... spesa. Promessa mantenuta dunque per Esselunga di Soliera che ha inaugurato all’Appalto il suo Superstore al momento più grande della provincia. «Ci auguriamo – ha commentato il Direttore commerciale di Esselunga Gabriele Villa – che arrivino più utenti possibili e crediamo che questo Superstore sarà un punto di attrazione per persone che risiedono fino a 15 chilometri da qui». Il nuovo punto vendita solierese occupa oltre 4 mila 300 metri quadrati di superficie. All’interno dello stabile vi sono il supermercato, un bar dotato di tavolini e gli sportelli per l’assistenza e le carte fedeltà. Vi è poi un parcheggio a raso e uno interrato per ospitare circa 700 auto. Al nuovo supermercato di Soliera lavorano 135 persone, 100 delle quali fresche di assunzione, con 27 solieresi. C’è una parola sul quale si fonda la filosofia di Esselunga: qualità. Vastissimo è il reparto di frutta e verdura dal quale si accede: 450 prodotti di ortofrutta che costituiscono il 14 per cento del totale venduto. Esselunga è stata fra i primi marchi in Italia a partire con la vendita di prodotti biologici e oggi conta oltre cinquanta prodotti di ortofrutta bio. Il cuore del marchio Esselunga sono i piatti pronti. Oltre 200 ricette diverse prive di conservanti, in parte prodotte a Milano (come le lasagne) e altre nel punto vendita di Soliera, come il pollo al curry. I dolci e la pasta fresca sono made in Parma, provenienti da un produttore esclusivo per Esselunga.  

Ampio spazio anche per gli amanti del vino. Sono presenti oltre 700 etichette di vini e un servizio sommelier sempre attivo nel reparto. In totale, sono 62 i sommelier presenti e sparsi fra i 154 superstore in Italia. C’è poi un reparto di prodotti per vegetariani e vegani oltre a un apposito scaffale dedicato agli oli italiani. «Da più di quindici anni – spiega Villa – Esselunga propone una selezione di oli provenienti da tutte le regioni italiane produttrici». La carne arriva dal centro di elaborazione di Milano che applica i tagli anatomici finalizzati presso la macelleria interna ai punti vendita. Il pesce, invece, approda qui dal centro lavorazione pesce in provincia di Novara che lo smista a tutti i punti vendita Esselunga d’Italia. Fra le cucine etniche sono proposti prodotti messicani, cinesi, indiani e giapponesi (con un’offerta di sushi freschissimo prodotto internamente). Tratto distintivo di Esselunga è la cosiddetta “scuola dei mestieri” in cui i panettieri, i macellai, gli addetti alla pescheria e tutti i professionisti presenti imparano a lavorare secondo le modalità dell’azienda. Si tratta di una vera e propria scuola interna che prevede un tirocinio di sei mesi di cui due incentrati sulla teoria di base di ciascuna figura professionale. «La maggior parte dei futuri addetti arriva impreparata e grazie alla formazione impara a lavorare secondo il nostro metodo». A Soliera, ha inaugurato anche il 114mo forno della catena: i nuovi panettieri vanno ad aggiungersi ai 1.800 già presenti fra gli altri punti vendita in Italia. All’interno sono attive 32 casse: 23 tradizionali, 2 casse “presto spesa” con l’ausilio del lettore codici a barre e 7 completamente automatiche con utilizzo di lettore e pagamento automatico. Il nuovo superstore ha appena 7 giorni di attività ed è ancora presto per fare dei bilanci. Per ora, i dati che si sono registrati a poche ore dall’apertura fanno ben sperare la proprietà. E’ già partita inoltre l’affiliazione al nuovo punto vendita attraverso le Fìdaty Card che danno accesso a sconti e all’accumulo punti per l’acquisto di un vasto catalogo di premi di qualità. 

488 visualizzazioni