Trovarsi al Caffè come terapia

L’iniziativa del Gafa (familiari Alzheimer) “Amarcòrd al cafè” a Limidi

Trovarsi al Caffè come terapia

Vi collaborano il Centro sociale della frazione e la Croce Blu che assicura i trasporti. E possono parteciparvi i pazienti con i rispettivi familiari. “Si sta creando una comunità – commenta Anna Ragazzoni – che fa scuola e dove, aprendosi, si finisce per

Carpi – Non c’è posto migliore del bar per sentirsi a casa, per vivere momenti di assoluta normalità. È proprio su questo che puntano i volontari di Gafa (Gruppo assistenza familiari Alzheimer) con il progetto “Amarcòrd al cafè”, giunto alla quinta edizione, realizzato in collaborazione con l’Unione Terre d’Argine, il Centro sociale Pederzoli di Limidi e la Croce Blu. 

L’iniziativa prevede incontri periodici rivolti a uomini e donne malati di demenza cognitiva e ai loro familiari o caregiver: dopo un momento di accoglienza, durante il quale si consumerà la colazione insieme, terapisti e volontari dividono i partecipanti in due gruppi, malati e caregiver, per svolgere attività diverse e passare momenti di benessere: gli anziani vengono infatti coinvolti in esercizi di stimolazione cognitiva, socializzazione, giochi ed esercizi fisici, mentre i caregiver (familiari e badanti che siano) potranno condividere le proprie esperienze con il resto del gruppo, sotto la guida di psicologi e assistenti sociali, ma anche approfondire la conoscenza della malattia e ricevere consigli pratici per affrontarla meglio. 

Si tratta di un’attività fondamentale per i familiari che “…spesso non si sentono all’altezza del compito che devono portare avanti. Vedere un genitore, che si è sempre preso cura di te, reso inerme dalla malattia, è molto difficile da sopportare. Innesca meccanismi psicologici molto delicati”, ha commentato il sindaco Alberto Bellelli. “Di anno in anno i numeri vanno crescendo a conferma della qualità della nostra iniziativa – spiega Anna Ragazzoni, presidente di Gafa –. Abbiamo anche dei caregiver che, nonostante il loro anziano sia deceduto, continuano a venire perché si sono trovati bene e desiderano confrontarsi con gli altri. Si sta creando una comunità che può fare scuola anche fuori dalla Regione – aggiunge –. E gli anziani ci insegnano che non bisogna mai stancarsi di trovare delle strategie nuove per farli aprire e farli stare meglio”. Il progetto è inserito nel programma regionale ed è accesso libero e gratuito. Gli incontri si svolgono il venerdì, a partire dall’8 aprile fino al 10 giugno, tra le 9,30 e le 11,30 presso il circolo di Limidi. E’ disponibile anche il trasporto alla struttura tramite Croce Blu. Per info 349 5928342.

81 visualizzazioni