Calcio, Melchiorri si presenta: "Ho tanta voglia di dimostrare di valere la fiducia del Carpi"

Presentato il nuovo attaccante biancorosso

Calcio, Melchiorri si presenta: "Ho tanta voglia di dimostrare di valere la fiducia del Carpi"

Il DG Scala: "Lo inseguivamo da tempo, rappresenta la nostra idea di calcio"

CARPI - Il Carpi ha presentato Federico Melchiorri, l'attaccante tanto cercato finalmente sbarcato in biancorosso dopo un corteggiamento che dura da quasi tre anni.

A tenere a battesimo Melchiorri è stato il DG biancorosso Matteo Scala, che ha avuto parole al miele per l'attaccante marchigiano arrivato in prestito con diritto di riscatto dal Cagliari: "Mi sono divertito a guardare quanto tempo è passato da quando si sarebbe dovuto celebrare questo matrimonio la prima volta, era il 2015. E’ inutile guardare indietro, è andata come andata, ma con Federico ci siamo promessi sposi sin da allora e se oggi siamo finalmente qui a presentare Melchiorri al Carpi significa che nel calcio le strette di mano e la parola valgono ancora qualcosa. Lui disse che se un giorno fosse andato via da Cagliari gli sarebbe piaciuto fare quello che non abbiamo potuto fare due anni fa, noi abbiamo risposto che ci saremmo stati e per questo voglio ringraziare Federico e i suoi agenti che hanno mantenuto la parola e la proprietà del Carpi per aver fatto uno sforzo economico importante per quella che è la nostra realtà. Melchiorri per noi non è solo un centravanti ma un nostro modo di intendere il calcio, ha qualità non solo calcistiche ma anche umane incredibili e siamo felici di averlo finalmente con noi. Appena abbiamo capito di poter chiudere la trattativa, l’abbiamo fatto in modo veloce grazie anche alla disponibilità del Cagliari. Il resto del mercato? Non abbiamo fretta, chi arriverà dovrà alzare il livello di qualità ma soprattutto di esperienza del gruppo”

Dal canto suo, Melchiorri si è detto felice di essere a Carpi dove cerca quello spazio e quella continuità che non non aveva più a Cagliari, dove è stato rallentato da due infortuni al ginocchio in pochi mesi: "Saluto tutti, a partire dalla città che mi ha già accolto in modo caloroso. L’estate scorsa c’era stata la possibilità di venire qui ma col ginocchio non ero ancora al 100% e disponibile per il girone d’andata, ho preferito recuperare al massimo a Cagliari e quando il mercato ha riaperto e c’è stata la possibilità di venire qui è arrivato subito l’accordo col Carpi senza pensarci due volte”.

“E’ parecchio tempo che non gioco e non vedo l’ora di dimostrare quello che valgo e quello che probabilmente tutti si aspettano da me. Ho la più grande voglia che possa esistere per fare il massimo e convincere la società a riscattarmi l’estate prossima per puntare, se non già quest’anno, a qualche risultato importante di squadra negli anni prossimi. Per quanto mi riguarda la mia volontà è chiara: farò di tutto per convincere il Carpi a riscattarmi e farmi rimanere qua anche dopo giugno”.

“Sono parecchi anni che seguo il Carpi e ho sempre visto una squadra che gioca come piace a me, puntando sulle caratteristiche che sono anche le mie. Sono anni che ambisco a giocare in una squadra in cui possa esprimermi al 100% e ce la metterò tutta per ripagare la fiducia che la Società ha dimostrato in me”.

“Quando ci fu il primo contatto col Carpi nel 2015 rimanemmo tutti male perché le cose non andarono come tutti pensavamo, ma il Carpi mi ha cercato in ogni sessione di mercato e questo mi ha fatto capire quanto ci tenga a me. Non ho ascoltato altre proposte”.

“Il peggior attacco della B finora? Lo vedo più come uno stimolo che come una responsabilità, sono sicuro che tutti insieme potremo migliorare questo dato che comunque a metà stagione ha un valore relativo”.

“Con Mbakogu possiamo fare bene insieme, abbiamo caratteristiche compatibili e non vedo l’ora di dimostrarlo sul campo”.

“Gli obiettivi della Società sono chiari e non mi permetto di aggiungere altro. Negli ultimi anni il Carpi ha sempre veleggiato nella metà alta della classifica e non mi stupisce sia lì anche quest’anno”.

“Io e il Carpi abbiamo un percorso simile, partendo dal basso salendo fino in alto. Il sacrificio e la fame di arrivare sono una peculiarità di questa società e mi ci rivedo, spero di dimostrarlo come ho sempre fatto senza mollare mai”.

“Se mi rivedo in Lasagna? E’ un campione, quello che sta facendo parla per lui. Qui ha fatto anni importanti e dimostrato potenzialità da Serie A, a Udine ha trovato un allenatore come Oddo che sa valorizzare le sue caratteristiche”.

“Obiettivi? Non me ne do, cerco sempre di dare il massimo. Essendo parecchio tempo che non gioco penso ad arrivare al 100% il prima possibile per aiutare la squadra a raggiungere il suo obiettivo”.

“Sono diversi mesi che lavoro col gruppo, non avendo giocato non so quanti minuti possa avere sulle gambe ma sono disponibile sin da subito per il mister”.

356 visualizzazioni