E dov’è il rispetto per le donne?

E dov’è il rispetto per le donne?

Lo scorso giovedì (12 novembre) come ogni settimana in occasione del mercato mi trovo con alcune amiche al Bar Roma di Carpi. A un certo punto vicino al nostro tavolino si siedono tre “signori”. Il più anziano inizia a trascinare la sua sedia verso la mia parte, fin quasi a toccarla e a chiudere il passaggio. Io sorridendo mi rivolgo a lui con una battuta “Scusi, mi vuole venire sulle ginocchia?”. Non lo avessi mai detto! Lui mi guarda con cattiveria e mi aggredisce verbalmente: “Ma secondo lei io ho bisogno di una come lei? Di donne ne ho fin che voglio e meglio di lei!”. Io, sempre sorridendo, gli rispondo che è fortunato e che ci credo che siano meglio di meno. Credendo fosse finita, mi rivolgo verso le mie amiche per continuare le nostre chiacchiere, quando sento che questo “signore” di una certa età, alzando la voce, dice: “Poi è meglio che mi sposti prima che mi prenda una malattia”. E con forza si mette a spostare la sedia e si siede sul lato opposto. Vorrei fare presente che questo “signore” è uno di quei magliai di Carpi, ma fare soldi non vuol dire diventare educati, anzi. 

Con questa lettera vorrei fare presente che l’educazione non va sempre di pari passo con l’età. Questa persona non soltanto mi ha insultata e offesa, ma anche detto che potevo attaccargli una malattia (preciso che sono sanissima e utilizzo una stampella soltanto perché sono caduta in bicicletta).

Io sul momento non ho risposto pensando che l’indifferenza fosse meglio che dargli la soddisfazione di ribattere alle sue cattiverie, ma a casa la rabbia ha cominciato a salire e per questo voglio far sentire la mia voce, come donna. Mi sono sentita offesa: come si è permesso questo “signore” di comportarsi in modo così maleducato solo perché sono una donna?

Ma quello che più mi ha sbalordito è che gli altri due “signori” al tavolo con lui non siano intervenuti. Poi ci meravigliamo se i giovani si comportano da maleducati (non tutti per fortuna…).

Ivana Cipolli – Carpi

243 visualizzazioni