Settegiorni

Settegiorni

Si vota per il referendum sulle trivellazioni marine entro le acque territoriali. E subito l’evento elettorale, intersecandosi con il referendum di ottobre sulla riforma costituzionale in discussione in questi giorni e con le imminenti elezioni amministrative, assume i connotati di un pronunciamento del popolo italiano pro o contro il premier Matteo Renzi. Un po’ di responsabilità al riguardo le porta lui stesso, per quell’assurdo invito a non andare a votare che non dovrebbe mai partire da istituzioni democratiche. Il risultato finale sarà che il referendum avrà due sistemi di misurazione: uno, sul raggiungimento del quorum, che dirà se Renzi avrà avuto o no ragione con quell’appello; e un secondo, sul prevalere del Sì o del No, anche questi elementi di giudizio sulle scelte petrolifere del premier. Il quesito sull’opportunità o meno di togliere le concessioni per l’estrazione di petrolio dal sottosuolo marino al loro scadere, finisce dunque sullo sfondo. Allegri: dal 17 aprile in poi, il 2016 sarà un anno intero di “mi piace” e “non mi piace” su Renzi. E facebook non c’entra. 

C’è un astro nascente, nel nuoto carpigiano. Visto il precedente di Gregorio Paltrinieri, sarà opportuno annotarsi il nome di Lorenzo Mora che a 18 anni ha vinto il titolo italiano juniores dei 50, 100 e 200 dorso in vasca corta. Se aggiungiamo anche il “veterano” Lorenzo Benatti e Fabio Baraldi, pallanotista solierese cresciuto nella Cabassi e ora centroboa del Settebello azzurro che andrà alle Olimpiadi, vien da riflettere su decenni di impianti natatori comunali insufficienti e al limite del collasso, ma dai quali sono usciti dei campioni. Verrebbe da pensare che nello sport, come in tante altre attività umane – si tratti della musica o dell’arte, della poesia o delle intuizioni industriali o informatiche o artigiane – all’origine dell’eccellenza ci sia spesso una qualche forma di privazione. 

Bello scambio sul profilo social del Sindaco. Lui si congratula per Fiera di primavera, il mercatino delle scuole che, scrive, “…permetterà di raccogliere fondi per la cooperazione internazionale”.  Commenta una cittadina: “Colgo l’occasione per chiedere al nostro primo cittadino, se possibile utilizzare qualche dipendente o volontario per tagliare l’erba nei parchi e aiuole”.

134 visualizzazioni