Carpi sui giornali. Nicolò Biondo a senso unico: le reazioni. Aumentano i quarantenni positivi

Carpi sui giornali. Nicolò Biondo a senso unico: le reazioni. Aumentano i quarantenni positivi

Accordo nella sostanza, perplessità sulla tempistica. La scelta dei cominciare martedì i lavori per mettere a senso unico viale Nicolò Biondo, andando incontro soprattutto all'esigenza di ricavare parcheggi al servizio del centro, si prende oggi le aperture locali sia del Carlino che della Gazzetta. E parrebbe essere passata senza troppe contestazioni, fatta eccezione per qualche parere critico raccolto dal Carlino e proveniente dai titolari di qualche punto vendita sul viale. Temono che le tre settimane richieste dai lavori vadano a interferire con lo shopping natalizio: ma si tratta di voci isolate.

 

E poiché a Carpi pare proprio che le visioni non vadano mai oltre l'immediato tornaconto o danno personale, pochi sembrano preoccuparsi del problema di interesse generale posto dall'associazione Carpi Urban Center con il documento diramato in questi giorni e che, senza mettere in discussione il provvedimento, chiedeva: sono state calcolate le ricadute che avrà sui flussi di traffico a est la messa a senso unico di Nicolò Biondo? E' stato previsto che due vie finora appartate come Cavour e Volturno diventeranno snodi cruciali del traffico che prima percorreva in senso sud nord il viale e che ora dovrà essere deviato verso viale Garagnani e via Alghisi? Qualcuno sui social ha avanzato il quesito al quale l'assessore ai Lavori pubblici, Marco Truzzi, replica sulla Gazzetta di stare tranquilli, perché le simulazioni effettuate dagli uffici dimostrerebbero che via Alghisi è più che sufficiente per accogliere una maggior mole di auto in attraversamento sud nord.

 

 

Le cronache provinciali sull'epidemia pongono oggi l'accento sull'aumento dei quarantenni ricoverati all'ospedale per Covid (Gazzetta) e, in entrambi i quotidiani, sulla protesta dei ristoratori e delle partite Iva, che hanno manifestato ieri in piazza Grande, a Modena. Un trafiletto della Gazzetta, illustrato con la foto del sindaco Alberto Bellelli, si sofferma sulla richiesta partita da diversi sindaci della provincia di ricevere maggiori informazioni e chiarezza sui dati e sui tracciamenti. Sul fronte sanitario le cronache modenesi segnalano il ritorno di Modena al poco invidiabile primo posto in regione per numero di contagi: situazione difficile, l'ha definita il Sindaco di Modena, in un contesto regionale nel quale affiora peraltro qualche spiraglio che lascia intravedere un possibile ritorno dell'Emilia in zona gialla.  

2130 visualizzazioni