Una nuova casa per la Psichiatria carpigiana

Inaugurati stamane i nuovi spazi al Ramazzini

Una nuova casa per la Psichiatria carpigiana

La Psichiatria carpigiana ha una nuova e moderna sede, una "casa" per la cura integrata dei disagi e delle malattie della psiche. Stamane, alla presenza del direttore generale dell'Ausl Antonio Brambilla e dei responsabili della sanità carpigiana, sono stati aperti i nuovi locali al piano terra della palazzina ex Simap interamente ristrutturati ed ampliati: ospiteranno il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura e la Residenza a trattamento intensivo che completano il cento di cura psichiatrica carpigiana che, al primo piano ha il suo Day Hospital e il Centro Diurno e al secondo gli ambulatori.

"Una giornata per noi bellissima", ha commentato Giorgio Cova, presidente dell'associazione "Al di là del muro" che da sempre si batte per offrire ai pazienti psichiatrici un servizio di questo tipo.

"La psichiatria italiana – hanno sostenuto a loro volta Fabrizio Starace e Giuseppe Tibaldi, il primo direttore del dipartimento dei Salute Mentale dell'Ausl e il secondo responsabile della struttura carpigiana – è all'avanguardia rispetto agli altri Paesi. Il centro di Carpi è senza dubbio all'avanguardia anche rispetto a quanto di meglio viene praticato in questo settore in Regione e in Italia".

Da anni ormai, nel reparto di cure psichiatriche, è stata abbandonata la pratica della "contenzione" e viene invece attuato un approccio personalizzato nei confronti di ogni singolo paziente.

Nelle foto: l'esterno della rinnovata struttura dell'ex Simap, la conferenza di presentazione, un interno del piano terra.

1163 visualizzazioni