I risultati del corso Donne a pedali

Promosso da Udi nell'ambito del progetto Ero Straniero

I risultati del corso Donne a pedali

Si è concluso il corso “Donne a pedali - corso per imparare ad andare in bicicletta e fare tanta strada verso l'autonomia”, destinato a donne italiane e straniere, promosso da Udi (Unione Donne in Italia di Carpi), nell'ambito del progetto “Erostraniero”, in collaborazione con “Recuperandia” (Porta Aperta) e “Il Mondo in Bicicletta”.

"Il progetto, finanziato dalla Consulta C “Attività Umanitarie, servizi Socio Assistenziali, Diritti dei Cittadini e degli Utenti” del Comune di Carpi doveva svolgersi nella primavera scorsa, poi la situazione sanitaria determinata dalla Pandemia ci ha costretto a sospendere tutto – fanno sapere gli organizzatori –. Abbiamo deciso di riprenderlo a settembre, riorganizzarlo e realizzarlo nel mese di ottobre adattando le attività didattiche alla nuova situazione, nel massimo rispetto delle norme di sicurezza anticovid, non è stato semplice, ma ci siamo riusciti, grazie alla collaborazione dei volontari esperti ciclisti che hanno condotto gli incontri, a Manuela Bellelli che ha insegnato le regole ed i comportanti da seguire in strada, e a tutte le associazioni coinvolte nel progetto".
 

Il corso si è snodato lungo sei incontri, il primo teorico, sul tema dell'educazione stradale, svoltosi alla Casa del Volontariato, gli altri nell'area ex Foro Boario.

"Hanno partecipato costantemente, con volontà e determinazione a tutte le lezioni 14 donne di 3 continenti diversi, Asia, Africa, Europa, tra di loro nessun confine e molta solidarietà – annotano gli organizzatori –. E' stata una prima esperienza per Carpi molto positiva, hanno tutte imparato ad andare in bicicletta da sole in un luogo protetto e speriamo che presto possano da sole affrontare il traffico cittadino ora reso un po' più sicuro dall'introduzione delle nuove reti di mobilità dedicata alle biciclette. Sicuramente tutti gli obiettivi che ci si era prefissi con l'organizzazione del corso sono stati raggiunti e pertanto si spera, se la situazione sanitaria lo permetterà, di poter replicare nuovamente l'iniziativa il prossimo anno".

 

312 visualizzazioni