Terre d'Argine unite da una ciclabile sugli argini: progetto candidato a fondi europei

Terre d'Argine unite da una ciclabile sugli argini: progetto candidato a fondi europei

Un itinerario ciclabile che unisca tutti i Comuni delle terre d'Argine, attraverso la riqualificazione di percorsi in fregio ai canali della Bonifica dell'Emilia centrale, a loro volta oggetto di miglioramento idraulico. In una parola, l'Unione amministrativa che diventa Unione di fatto, “cucita”, per così dire, dal filo rappresentato proprio dagli argini che le danno nome. E' questo il progetto di fattibilità tecnico-economica che il Comune di Carpi, cha fa da capofila, ha affidato allo studio dell'ingegner Marco Monaci per candidarlo ai finanziamenti previsti dal bando europeo “EULIFE2020 sub-programme Life Climate Action” e destinati a progetti che migliorino la qualità dell'aria e contrastino l'emergenza climatica.

L'incaricato Marco Monaci, che dovrà occuparsi anche dell'inserimento sulla piattaforma europea delle informazioni necessarie a completare la candidatura, è un ingegnere ambientale che da 15 anni svolge l'attività di consulente libero professionista su tematiche ambientali. Ha realizzato e coordinato progetti complessi e multidisciplinari, predisposto piani strategici, scritto proposte di finanziamento europee e gestito i progetti finanziati e svolto il ruolo di facilitatore in processi partecipati, in particolare sul tema della gestione delle acque: rischio idraulico, geomorfologia, qualità, quantità, ecosistema.
Ha svolto il ruolo di direttore tecnico dell'associazione Cirf (www.cirf.org) entrando a far parte del suo Consiglio direttivo. Attualmente supporta il Consorzio di bonifica dell'Emilia Centrale nel coordinamento del progetto europeo LIFE RINASCE e si occupa di consulenze alle imprese per diminuire i costi energetici insieme alla società E4S srl.
Svolge inoltre l'attività di consulenza ambientale con la sua società "Ing. Marco Monaci srl".

590 visualizzazioni