Annalisa Arletti presenta il programma: sicurezza, infrastrutture, giovani in primo piano

«Carpi è una grande scommessa sul futuro. Dopo un passato che l'ha vista fiorente, oggi ha bisogno di riconquistarsi il suo ruolo all'interno del territorio in cui si inserisce. Il ruolo di protagonista che le compete». Ha esordito così questa mattina Annalisa Arletti alla conferenza stampa di presentazione del programma della coalizione che la sostiene come candidata del centro destra. Con lei, c'erano Massimo Barbi, per Forza Italia, Giulio Torelli, per Carpi Protagonista, Federica Carletti, di Fratelli d'Italia e Giulio Bonzanini per Lega Carpi. «La nostra città – ha sottolineato Arletti – ha profonde radici che, se riscoperte e valorizzate, non la rendono seconda a nessuna. Per governarla dobbiamo comprenderla nelle sue innumerevoli sfaccettature, ma prima di ogni altra cosa dobbiamo amarla. Dobbiamo avere il coraggio e la visione di immaginare il futuro per le nostre famiglie, per le nostre imprese. Abbiamo bisogno di liberare energie nuove e di far tornare Carpi una città viva e sicura». segue

 

Sono tredici i punti programmatici portati dalla candidata all'attenzione della città. In primo piano la Sicurezza con il progetto di più pattuglie a vigilare sulla città, di giorno ma anche di notte, per rendere Carpi più vivibile e sicura per chi la abita e la vive, affrontando con determinazione anche il degrado, lo spaccio e i vandalismi. Servizi, medicina di prossimità e innovazione sono al centro delle proposte sulla Sanità, per la quale Arletti sottolinea la necessità di uscire dall'isolamento del distretto e segnala le strutture fatiscenti e le promesse non realizzate dall'attuale Amministrazione. Lo Sport reclama un potenziamento delle strutture e l'efficientamento degli impianti esistenti, così da finirla con le famiglie costrette a far frequentare ai ragazzi impianti di altre località. I parchi richiedono poi più manutenzione, controlli e illuminazione, evitando che diventino bivacchi, luoghi di ritrovo per consumare alcolici, così come i giochi dei bambini vanno curati con un'assidua manutenzione. Non piace, alla candidata, il sistema attuale della raccolta differenziata dei rifiuti che richiede maggior flessibilità mentre i sacchetti esposti della plastica non sono un bel biglietto da visita per la città. Da qui anche la proposta di raccoglitori interrati almeno in centro storico. segue

Gli alloggi di proprietà pubblica dovrebbero privilegiare il criterio della residenza storica, mentre per il centro storico Arletti caldeggia maggiori incentivi alle aperture di nuove attività, un controllo attento da parte della Polizia Locale e l'accessibilità con almeno quattro parcheggi multipiano ai quattro punti cardinali. Il trasporto pubblico va incrementato con una maggior frequenza nei passaggi mentre le piste ciclabili in sede propria sono da preferire a quelle affidate alla verniciatura dell'asfalto. Sostegno alla natalità e maggiore accessibilità agli asili nido debbono essere le linee portanti della politica per le famiglie. Agevolazioni fiscali per le riqualificazioni urbane, innovazione e formazione sono indicate come le misure da mettere in atto per lo sviluppo economico e per i giovani c'è l'idea della carta giovani per ottenere sconti su trasporti e spettacoli, quella del taxi notturno nel week end e il potenziamento del polo scolastico di via Peruzzi con spazi di studio. Si sostiene poi la necessità di manifestazioni di alto livello e attrattive, di una valorizzazione del patrimonio e di una maggior programmazione degli eventi, per il turismo e la cultura, con meno eventi spot e utilizzando meglio i contenitori ora vuoti. Un accenno, infine, ad Aimag, per la quale la coalizione ribadisce la centralità del controllo pubblico con il rinnovo del Patto di Sindacato fra i Sindaci soci, arginando ogni ingerenza di Hera.