Assestamento di bilancio in Consiglio: 2 - la siccità, il fotovoltaico e la corte di Fossoli

Anche la siccità, ha fatto litigare le minoranze, in particolare la consigliera Monica Medici, e la Giunta. Nel senso che l'esponente pentastellata ha ritenuto le 27 pagine del corposo documento dell'Amministrazione indicante tutte le variazioni previste dall'assestamento di bilancio una sorta di danza sul Titanic – il parallelo è suo – "...e noi stiamo qui come se nulla accadesse”. La sua polemica, che ha raggiunto i toni del falsetto, si riferiva all'assenza, fra  tanti interventi previsti in variazione, della benché minima traccia di sensibilità al tema del momento, la siccità e le condizioni in cui versa il verde pubblico. “Nel documento manca una presa d'atto di quel che stiamo vivendo – ha detto – non essendovi un solo euro dedicato alla salvaguardia del verde”. Lo ha fatto presente in considerazione del fatto che, invece, è stato deciso un aumento di 58 mila 500 euro nel triennio 2022-2024 per un rinnovo del piano neve, elemento, la neve, del quale si è perduta ogni traccia dato l'andamento climatico. Per converso, ha detto polemica la consigliera, “...sarò soddisfatta quando vedrò Carpi percorsa da autobotti che vanno a innaffiare le nostre aree verdi”. E sempre in materia di sensibilità ambientale, ha voluto rispolverare la sua nota avversione al piano di recupero della ex corte di Fossoli, quando avrebbe preferito mille volte, ha detto, che le risorse venissero spese per coprire tutte le scuole della città di pannelli fotovoltaici. All'osservazione che i bandi non sono gestibili come si vuole e che non si possono stornare a piacere risorse acquisite per un determinato obiettivo per destinarle altrove, ha ribadito che lei, al bando di rigenerazione urbana che ha portato 14,8 milioni per il recupero della ex corte non avrebbe partecipato.

L'accesso è riservato agli Abbonati

Se sei già abbonato, accedi per vedere l'articolo completo

Accedi

Accesso completo al sito, più la
versione digitale annuale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 49€

Accesso completo al sito, più la
versione cartacea e la versione digitale annuale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale stampato a casa o in azienda e la versione digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 65€

Accesso completo al sito, più la
versione digitale mensile

Un mese dell’universo digitale di VOCE al prezzo di 5 euro: comprende la ricezione della newsletter quotidiana VOCE Città con tutte le notizie del giorno, del settimanale VOCE in pdf ogni venerdì e l'accesso a tutti i contenuti di voce.it riservati agli abbonati tra cui articoli (anche dall’archivio), interviste, rubriche e i VOCE Podcast. (non comprende la lettura di VOCE Mese) Costo Mensile 5€