Rassegna stampa

Il master-plan di Righi sul futuro della città, il toto-giunta, i candidati più votati. E un limidese in bici a Capo Nord

I giornali in edicola mercoledì 12 giugno

Grande spazio, ovviamente, anche oggi alle elezioni e ai risvolti del voto, sui quotidiani in edicola. Sia Gazzetta che Carlino dedicano servizi e approfondimenti agli esiti delle urne, con ampi resoconti della cerimonia ufficiale di nomina a Sindaco di Carpi di Riccardo Righi: oltre al discorso di insediamento e alle emozioni del neo sindaco e del suo predecessore Alberto Bellelli, i due giornali riportano anche alcune dichiarazioni di Righi sulla direzione che intende dare alla propria amministrazione e sulla formazione della nuova giunta. “Ci sederemo a un tavolo con il programma elettorale da tradurre in un master-plan della città con una time-line fatta di cose materiali e immateriali e per costruire la squadra più adatta a raggiungere i grandi obiettivi che ci siamo prefissati”, dice Righi a Maria Silvia Cabri del Carlino. Al collega Gabriele Canovi della Gazzetta, Righi concede una lunga intervista: “Piccolo, grande, vicino e lontano – esordisce parlando di governo e obiettivi –. L'amministrazione avrà questi punti cardinali. Dovremo essere in grado di occuparci delle cose che impattano nel quotidiano sulla vita dei cittadini, come la manutenzione ordinaria, insieme a progetti di visione che coinvolgono le infrastrutture, come la nuova bretella o il nuovo ospedale. Poi, vicine a noi nel tempo, penso a far rinascere il carnevale e ridare lustro alla festa del Patrono, e lontane perché hanno bisogno di processi come le candidature a riconoscimenti nazionali ed internazionali – prosegue Righi –. Sulla sicurezza, maggior presidio del territorio da subito e progetti a medio e lungo termine dedicati ai più fragili perché si spengano le cause dell'isolamento degli adolescenti, ad esempio, e perché Carpi non covi per ipocrisia sacche da cui la criminalità può pescare nuove braccia».

(segue)

 

A piede pagina, la Gazzetta apre il toto-giunta, riferendo come, secondo i primi calcoli, saranno almeno quattro gli assessori in quota Pd, poi uno a testa per Alleanza Verdi-Sinistra e la civica "Carpi a colori-Righi sindaco". In quest’ottica, il giornale dà Mariella Lugli (Pd) e Tamara Calzolari (Avs) verso il bis, con l'ex segretario dem Marco Reggiani in lizza per un assessorato insieme ad uno tra i giovani colleghi di partito Riccardo Martino e Klaudia Kumaraku. Tutta da decifrare la scelta del nome in capo a “Carpi a colori”.

Completano la pagina “elettorale” del Carlino la soddisfazione espressa dalla segretaria cittadina del Pd Daniela Depietri (“Abbiamo recuperato 7 punti rispetto al 2019”) e la panoramica dei candidati che hanno ottenuto più preferenze e la relativa probabile composizione del prossimo Consiglio Comunale. Articolo, quest’ultimo, condiviso dalla Gazzetta: su entrambi i giornali la curiosità cade su Tommaso Casolari, il più giovane eletto in Consiglio: “Sarò il megafono delle esigenze dei giovani”, dice il diciannovenne rappresentante di Fratelli d’Italia. 

(segue)

 

Lo speciale elezioni della Gazzetta dedica un servizio anche all’elezione di Caterina Bagni, prima sindaco donna della storia di Soliera: “Vorrei ispirare le ragazze”, dice la neo prima cittadina, che punta su verde, competenza e ambiente. Il suo predecessore Roberto Solomita, segretario provinciale del Pd, va verso il ruolo di capo di gabinetto della nuova giunta Mezzetti a Modena.

Non ci sono però solo le elezioni sui due quotidiani in edicola oggi: se il Carlino dedica un trafiletto alla scadenza per i bandi della Fondazione Cr Carpi, la Gazzetta dedica un ampio servizio all’impresa ciclistica del limidese Mauro Bigarelli, partito in bici il 3 aprile scorso per Capo Nord e ora impegnato nel tragitto di ritorno, sempre in sella alla due ruote a pedali.