Sui giornali. L'equivoco del passaggio sopraelevato sulla Losi. Incontri della Fondazione CR Carpi con il Terzo Settore

Anche la Gazzetta, che ne fa l'apertura, cade nell'equivoco dovuto anche a un vuoto di comunicazione del Comune. E denuncia oggi in apertura la scomparsa dai piani della viabilità dell'Amministrazione comunale di quel passaggio ciclopedonale sopraelevato sulla tangenziale Losi, tra via Parmenide e l'area fast-food, che in realtà è stato sostituito da un attraversamento a raso fin dal giugno 2023. E' da un anno, dunque, che di quel manufatto del costo preventivato in 700mila euro non si parla più: da quando è apparso cioè il progetto, riportato nella planimetria, dei quattro passaggi pedonali, due sulla Losi e due sulla Cattani, puntualmente riferito da tutti gli organi di informazione. Che ora si mostrano sorpresi che del passaggio sopraelevato non vi sia più traccia. Va riconosciuto, peraltro, che quell'opera, costata 37mila euro per la progettazione esecutiva, è sparita dai radar piuttosto alla chetichella, più di un anno fa, quando le si preferirono gli attraversamenti a raso, costati altri 27mila euro di progettazione. E l'equivoco è stato ingenerato anche dall'ostinazione degli uffici tecnici comunali a definire negli atti "scavalcamento” quello che in realtà è da tempo un semplice "attraversamento”: non sarebbe male, al riguardo, il chiarimento ufficiale che finora non c'è stato. Sulla soluzione adottata il quotidiano dà spazio alle dichiarazioni dell'esponente della Lega che aggiunge, alla questione del sovrappasso sparito e di attraversamenti a raso poco opportuni su una tangenziale così trafficata, anche la mancata realizzazione del palazzetto dello sport e il cambio di orientamento della Giunta (questa volta da attraversamento a sottopasso) per la Traversa San Giorgio del quale l'esponente del Carroccio reclama la primogenitura, ma in realtà dovuto a un esplicito divieto da parte dell'Anas. segue

 

Gli incontri promossi dalla Fondazione CR Carpi per individuare al meglio i bisogni del terzo settore e collaborare per costruirvi su i progetti cui indirizzare i finanziamenti sono oggetto dell'apertura del Carlino di oggi e del taglio basso della seconda pagina della Gazzetta (si veda qui). Entrambi i quotidiani danno poi notizia della presidenza di turno dell'Unione delle terre d'Argine, passata a Daniela Tebasti, neo sindaco di Campogalliano, dopo la decadenza dalla carica di sindaco di Alberto Bellelli. Gli annunci, sulla Gazzetta, del ritorno ai Laghi Curiel di Campogalliano del Lake Festival di sport acquatici e gastronomia e dell'avvio, oggi, della Fiera di Soliera, completano le notizie di giornata.