Investimenti sempre più algoritmic driver's

Il vecchio detto “Fin che la barca va, lasciala andare” si adatta bene a quanto sta accadendo negli ultimi anni anche nel mondo degli investimenti. Ma c’è anche chi a ragion veduta potrebbe dire: “Si stava meglio quando si stava peggio”. Nell’ultimo decennio, infatti, con l’avvento nel mondo finanziario degli algoritmi e di una droga di moneta senza precedenti, messa in piedi dalle principali banche centrali, tutto è profondamente cambiato. Fino a vent’anni fa era tutto differente in quanto al centro del mercato finanziario e delle decisioni d’investimento c’erano soprattutto le persone, con la loro preparazione, le loro opinioni ed emozioni. E in effetti la gestione del denaro era in mano a chi sapeva leggere i bilanci, visti un po’ come i guru della finanza in grado di scegliere quali titoli (aziende) fossero migliori. Poi le cose sono cambiate. 

L'accesso è riservato agli Abbonati

Se sei già abbonato, accedi per vedere l'articolo completo

Accedi

Accesso completo al sito, più la
versione digitale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 49€

Accesso completo al sito, più la
versione cartacea e la versione digitale

Vi permette di accedere a tutti i contenuti web di VOCE.it e di ricevere il settimanale stampato a casa o in azienda e la versione digitale in formato PDF direttamente al vostro indirizzo mail. Costo Annuo 65€